Al momento stai visualizzando Vola il lending crowdfunding immobiliare: i dati del segmento che traina il settore

Vola il lending crowdfunding immobiliare: i dati del segmento che traina il settore

L’ultimo report sul crowdinvesting del Politecnico di Milano, pubblicato un paio di mesi fa, ha evidenziato come il lending crowdfunding immobiliare sia il settore trainante di un mercato in lieve flessione.

Mentre nel complesso il crowdinvesting in Italia registra per la prima volta un -1%, infatti, il lending crowdfunding immobiliare vola con una crescita del +39% rispetto all’anno precedente.

I numeri del lending crowdfunding immobiliare in Italia

Il successo del lending crowdfunding immobiliare in Italia non è una novità: già nel precedente report del Politecnico emergeva la vivacità di questo ramo.

Quest’anno la tendenza si conferma e si definisce, con un distacco netto rispetto alle altre tipologie di crowdinvesting.

Il lending crowdfunding immobiliare, infatti, tra fine giugno 2022 e fine giugno 2023 ha raccolto 115,79 milioni di euro sui portali specializzati, mentre il lending crowdfunding generalista si è fermato a 39,36 milioni di euro. Questi numeri, peraltro, non considerano con precisione tutti i portali generalisti che si occupano anche di progetti real estate, come Crowdlender.

Rispetto all’anno scorso, il numero di piattaforme lending specializzate nel real estate è calato da 20 a 17, a causa di alcune cessazioni di attività, ma questo non ha fermato la crescita. 

Le previsioni per il futuro del report indicano che tale crescita dell’immobiliare non si fermerà nemmeno nei prossimi mesi. L’adempimento degli obblighi relativi alle nuove procedure che le piattaforme di lending crowdfunding devono implementare per allinearsi al Regolamento UE sul Crowdfunding, infatti, se da un lato rappresenta un ostacolo, dall’altro è un’opportunità per rafforzare il settore offrendo agli investitori maggiore trasparenza e sicurezza.

Le ragioni del successo del lending crowdfunding immobiliare

Le spiegazioni del successo di questo settore del crowdinvesting sono ormai note e condivise all’unanimità: i progetti immobiliari sono solitamente progetti che richiedono liquidità tempestiva a più riprese e una campagna di lending crowdfunding offre la possibilità di raccogliere capitali in breve tempo e senza richiedere garanzie stringenti né la cessione di quote. 

Per questo il ricorso al crowdfunding risulta spesso la scelta fondamentale per dare a un progetto la spinta iniziale per partire nei tempi previsti, nell’attesa di ricevere altri finanziamenti da altre fonti. È preziosa anche la possibilità di fare più tranche di raccolta per sbloccare più rapidamente i fondi volta per volta.

Per gli investitori il lending crowdfunding immobiliare è particolarmente appetibile perché le campagne durano poco, i rendimenti sono alti e i progetti risultano tangibili, perciò la prospettiva di guadagno appare vicina e concreta. Il settore immobiliare, peraltro, è storicamente di grande interesse per gli investitori, ma richiede investimenti massicci che non sono alla portata di tutti, mentre con il crowdfunding diventa accessibile.

I successi del real estate crowdfunding su Crowdlender

La sezione Crowdre di Crowdlender, che ospita i progetti di lending crowdfunding immobiliare, è in linea con l’andamento nazionale del settore: il 98% delle campagne lanciate è andato a buon fine, con il raggiungimento dell’obiettivo, e tutte le operazioni concluse positivamente hanno finora rimborsato gli investitori entro o prima dei tempi prestabiliti, con un success rate del 100%.

L’ultima è stata quella di Donegà Costruzioni, che ha concluso ad agosto la restituzione del capitale agli investitori della terza tranche di raccolta per la realizzazione di sei unità immobiliari in provincia di Ferrara. Abbiamo chiesto loro di raccontarci cosa li ha convinti ad affidarsi a Crowdlender:

Per questo nostro intervento relativo alla costruzione di un Edificio Bifamiliare denominato “Giglio” nella località di Malborghetto di Boara (FE) destinato all’uso residenziale ci siamo serviti dell’utilizzo di Lending Crowdfunding attraverso la divisione Crowdlender di Opstart; questo ci ha permesso di raccogliere dei fondi che, insieme alle somme versate dagli acquirenti in fase di inizio cantiere, abbiamo utilizzato attivamente nella costruzione, in modo da ridurre i tempi di realizzo ed ottimizzare i costi.

Siamo dell’idea che al giorno d’oggi il Lending Crowdfunding sia uno strumento veramente utile al mondo dell’edilizia in generale in quanto permette a noi imprenditori del settore di portare a termine dei progetti nei quali crediamo molto. ma che senza il finanziamento economico non potrebbero diventare realtà.

Ad oggi le due Unità Immobiliari sono state definitivamente consegnate agli acquirenti e il Piano di ammortamento relativo alla raccolta fondi è stato chiuso con successo” – immagini e specifiche relative al progetto in fondo all’articolo.

L’ulteriore conferma di quanto il lending crowdfunding immobiliare sia percepito come una preziosa opportunità da imprenditori e investitori è il fatto che molte società che hanno fatto una campagna su Crowdlender hanno poi ripetuto l’esperienza più volte: ci hanno già raccontato perché Art 5.0 e Immobili e Soluzioni.

Ti interessano i progetti di real estate crowdfunding? Continua a seguirci su Crowdlender in attesa dei prossimi o prenota una call con noi a questo link per saperne di più!

Costruzione Edificio Bifamiliare “Giglio”- Malborghetto di Boara (FE)

lending crowdfunding immobiliare con Donegà Costruzioni

Il fabbricato fa parte di una soluzione di tipo bifamiliare, ma con composizione anomala rispetto al genere dato che l’unico punto di contatto tra le due unità è una parete in confine per il solo piano terra, trattandosi di volume destinato ad autorimessa.

Di fatto la conformazione di progetto dà corpo a due edifici di tipo monofamiliare collegati tra loro da un volume basso. Le unità sono dotate di spazi esterni indipendenti destinati a giardino e attrezzati con pergole bioclimatiche in collegamento con gli spazi interni delle zone pranzo/cucina.

Il piano terra è articolato attorno ad un unico ambiente in open space (eventualmente suddivisibile) dove trovano collegamento gli spazi di servizio come bagno e ripostiglio, il collegamento al locale autorimessa tramite la zona filtro dell’ampio ingresso e le scale di accesso al piano primo.

Il piano superiore prevede la distribuzione al locale bagno e alle tre camere da letto, due matrimoniali e una singola, di cui la principale dotata di cabina armadio con affaccio sul giardino.

Gli accessi alle unità immobiliari avvengono attraverso una vietta comune interna al lotto dove sono previsti spazi a parcheggio.

Tutta la costruzione è realizzata in classe energetica A4, grazie all’uso di sistemi di isolamento a cappotto, infissi e serramenti in pvc con trasmittanza termica inferiore ai limiti di legge, l’utilizzo di impianti radianti funzionanti in pompa di calore (anche per il raffrescamento) nonché l’impiego di pannelli fotovoltaici in falda.