Con investimento, in economia, si intende l’attività finanziaria di un soggetto economico detto investitore atta all’incremento di beni capitali mediante l’acquisizione o creazione di nuove risorse economiche da usare nel processo produttivo.

Può riguardare sia un soggetto imprenditoriale nell’ambito della sua attività di impresa, sia in senso esteso un privato cittadino nell’incremento della sua qualità della vita.

Nelle imprese private e nel settore pubblico l’investimento serve ad acquistare o produrre in proprio (nella terminologia aziendale si dice “in economia”) beni capitali materiali quali: impianti, macchinari, capannoni, beni immateriali, quali ricerche o campagne pubblicitarie, risorse da usare nel processo produttivo, come le materie prime e infine scorte di prodotti finiti. Vi sono poi investimenti che non rientrano nel bilancio d’esercizio di una impresa privata, ma, quando previsto, nel bilancio sociale, come gli investimenti in formazione del personale o in sistemi produttivi meno inquinanti. In questo caso si parla di investimento in senso lato, dal momento che i costi corrispondenti rientrano nelle spese correnti.

La finanza aziendale considera l’investimento dal punto di vista dei capitali che esso richiede, del costo delle diverse fonti di capitale, delle scelte tra diversi piani di ammortamento dei debiti contratti per realizzare l’investimento e tra diversi investimenti che generano flussi finanziari diversi.

Investimenti sostenibili: guida galattica per investitori attenti

Gli investimenti sostenibili sono la nuova frontiera della finanza, soprattutto di quella alternativa, e lo dimostrano sia l’attrazione che esercitano verso gli investitori più attenti sia la crescita che garantiscono,…

Continua a leggereInvestimenti sostenibili: guida galattica per investitori attenti

Fine dei contenuti

Non ci sono più pagine da caricare