You are currently viewing Perché investire in un crowdfunding real estate

Perché investire in un crowdfunding real estate

L’investimento nel mattone è considerato da sempre il tipo di investimento più concreto e, molto spesso, anche sicuro. I soldi messi da parte dagli italiani vanno spesso nell’acquisto di immobili, che però comportano molta burocrazia, costi alti per concludere l’investimento e, per forza di cose, limitano l’acquisto a pochi immobili. 

Il crowdfunding in real estate, però, ha spostato l’asse di rivoluzione di questo modo di investire denaro, rendendolo più flessibile: un investitore, anche con poco denaro, può differenziare gli investimenti svincolandoli da tutta la burocrazia legata all’acquisto di una casa. Oggi, grazie ad appositi portali online, investire in campo immobiliare grazie al crowdfunding è un’opportunità importante anche a partire da piccole cifre. Ora vedremo in che modo. 

Investire nel mattone: equity crowdfunding o lending crowdfunding?

Qui dobbiamo fare una prima differenziazione: ci sono due modi molto pratici per investire  nel mattone, quindi in qualcosa di concreto e ‘tangibile’, e sono altrettanto validi. Si tratta di due tipi di crowdfunding, quindi di finanziamento collettivo ma cambiano le modalità. Il pro di avere due strumenti diversi di crowdfunding in real estate non è tanto quello di scegliere, ma ancora di più di diversificare gli investimenti, in modo da tenere più al sicuro il portafoglio e minimizzare il rischio di eventuali perdite. 

  • Equity crowdfunding: in questo caso, come suggerisce il termine equity, l’investitore acquista quote dell’impresa che realizzerà o ristrutturerà l’immobile oggetto dell’operazione, diventandone socio a tutti gli effetti, per poi partecipare alla distribuzione dei profitti insieme agli altri soci. Questa tipologia di crowdfunding in real estate evita il rischio di immobilizzare troppo capitale e dà la possibilità di investire somme di denaro minori rispetto al tradizionale acquisto della seconda casa, diversificando il portafoglio su molteplici operazioni. Piattaforme come CrowdRe fanno incontrare investitori (privati o aziende) e sviluppatori di progetti immobiliari che cercano nuovi soci per portare a termine i loro progetti. Con questo tipo di investimento, chi investe diventa a tutti gli effetti proprietario, insieme ad altri soci, dell’immobile che verrà costruito, nei termini delle quote societarie che ha acquistato.
  • Lending crowdfunding: in questo tipo di crowdfunding l’investitore presta del capitale all’impresa immobiliare che svilupperà il progetto oggetto di raccolta. L’investitore si vedrà ritornare il denaro prestato nelle sue tasche maggiorato del tasso di interesse concordato con la controparte, nelle modalità stabilite da un vero e proprio contratto di finanziamento. In questo caso l’investitore non concorre alla proprietà dell’immobile che viene costruito, ma è a tutti gli effetti un finanziatore dell’operazione. 

Quali sono i vantaggi del crowdfunding in real estate

Ne abbiamo già accennati alcuni nel descrivere la differenza tra equity crowdfunding e lending crowdfunding, ma elenchiamoli tutti: 

  • la possibilità di effettuare investimenti più contenuti e quindi più numerosi, diversificando così gli investimenti in differenti progetti immobiliari, sia in equity crowdfunding sia in lending crowdfunding;
  • non meno importante, l’assenza di tutta la burocrazia che l’acquisto vero e proprio di un immobile si porta dietro, sia dal punto di vista di tempo e fatica, sia dal punto di vista di denaro e soggetti coinvolti;
  • l’opportunità di affidarsi a portali come CrowdRe, che effettuano una valutazione iniziale approfondita delle opportunità di investimento proposte e ti permette di investire in modo facile, veloce e sicuro su molteplici operazioni;
  • la sicurezza di investire in un bene concreto: il mattone è sempre stato, di generazione in generazione, un investimento tangibile e rassicurante, che oggi diventa alla portata di tutti grazie a metodi più snelli, che richiedono meno capitale iniziale.

Portali come CrowdRe coinvolgono sia professionisti del settore del crowdfunding, che quindi conoscono bene il settore degli strumenti finanziari alternativi, sia professionisti del settore immobiliare, che valutano ogni progetto di realizzazione o ristrutturazione che verrà pubblicato sulla piattaforma prima di proporlo ai potenziali investitori. Vuoi saperne di più? Continua ad approfondire il panorama italiano nell’ambito di real estate crowdfunding, o contatta il nostro team per scoprire di più! 

Lascia un commento