Crowdarena è finalmente online

Crowdarena è finalmente online

Dopo il via libera di Consob, Opstart inaugura Crowdarena, il primo portale di annunci europeo che mette in contatto investitori che vogliono vendere o acquistare quote di startup e PMI. Il servizio, nato da un’intuizione del General Manager di Opstart Giovanpaolo Arioldi, rappresenta la prima vera risposta all’esigenza di liquidità degli investimenti crowd.

Da oggi gli investitori crowd possono contare su un nuovo di riferimento: è nata Crowdarena, luogo d’incontro virtuale tra venditori e acquirenti di quote o azioni di società – startup, PMI e PMI innovative – che hanno portato a termine con successo una campagna di equity crowdfunding su Opstart.

Da un lato, i soggetti privati ottengono uno spazio dedicato dove pubblicare i propri annunci di vendita o acquisto di quote ed entrare in contatto con potenziali compratori, oppure dove consultare gli annunci già presenti.
Dall’altro, le aziende hanno una propria vetrina aggiornabile in qualsiasi momento, dove si possono visualizzare gli annunci inseriti dai soggetti interessati al loro progetto o dai propri investitori.

Il via libera alla nuova divisione della piattaforma Opstart è arrivato in seguito a una modifica del Regolamento di Consob sull’equity crowdfunding. L’aggiornamento, diffuso a fine ottobre 2019, ha esteso ai portali autorizzati la possibilità di istituire, in una sezione separata, una bacheca elettronica per la pubblicazione di annunci e inserzioni di quote di società protagoniste di campagne di crowdfunding di successo.

Una rivoluzione nel mondo dell’Equity Crowdfunding

Fino ad oggi, benché fosse prevista per l’investitore la possibilità di cedere le sue quote o azioni in qualunque momento, non esistevano dei luoghi virtuali dedicati all’incontro tra domanda e offerta. L’unico modo per procedere al trasferimento dei titoli partecipativi era individuare in maniera del tutto autonoma soggetti interessati all’acquisto, con tutte le difficoltà che ciò comportava.

Crowdarena renderà lo scambio di quote indubbiamente più agevole, offrendo a chi desidera vendere o acquistare partecipazioni la possibilità di manifestare il proprio interesse tramite un semplice annuncio, completamente gratuito.

Si tratta di un punto di svolta nel panorama dell’Equity Crowdfunding italiano e rappresenta un primo passo verso un vero e proprio mercato secondario.

Lascia un commento